Ultime News

Pubblicato il: 14 Gennaio 2019 alle 5:03 pm

METEO: sul fronte NEVE: situazione preoccupante in montagna. Cambierà?

Meteo: manca la NEVE sulle nostre montagne ma all’orizzonte le cose potrebbero cambiare. Ecco quando e perché

A cura di Stefano Ghetti

Ormai è da parecchio che non arriva un serio peggioramento delle condizioni meteo sull’Emilia Romagna e la situazione di prolungata siccità, se così possiamo definirla, sta mettendo a dura prova la stagione sciistica del nostro Appennino. Costretti ormai a fare gli straordinari, gli Operatori turistici si sono fino ad ora affidati alle basse temperature notturne per poter produrre la neve artificialmente e non certo al meteo. Ma all’orizzonte pare ci siano importanti segnali di svolta. Vediamo.

Fino a tutto mercoledì, il meteo non farà comunque registrare particolari scossoni. In sostanza continueremo a vivere una fase meteo piuttosto tranquilla e stabile. Da giovedì invece, ecco che l’atmosfera comincia a “svegliarsi”. Le correnti d’aria ruoteranno da ovest ed accompagneranno l’arrivo di una provvidenziale perturbazione atlantica in grado di portare la tanto sospirata neve. Vediamo con quale dinamica si attiverà il peggioramento.

Giovedì arriveranno le prime precipitazioni ma non saranno importanti e sui monti potrà aversi solo qualche debole nevicata sopra i 1300/1400 metri. Le giornate più importanti invece, saranno quelle di venerdì e parte di sabato. Venerdì sarà la giornata più favorevole sul fronte neve e meteo specialmente per intensità dei fenomeni. Potrebbero infatti cadere nevicate con accumuli più interessanti attorno ai 1200/1300 metri. In serata la quota neve potrebbe scendere ulteriormente fin verso i 1000mt. Sabato la maggior probabilità di fenomeni sarà concentrata nel pomeriggio/sera con ancora qualche nevicata attorno ai 1000-1200 metri. Domenica mattina ancora residue nevicate attorno ai 900-1000 metri ma in un contesto di generale attenuazione e conseguente miglioramento del tempo specie verso sera.

Attendiamo comunque eventuali sviluppi da parte dei centri di calcolo meteo per vedere se ci saranno cambiamenti rispetto alle elaborazioni odierne.