Ultime News

Pubblicato il: 30 Marzo 2019 alle 6:19 am

Arrivano TEMPORALI, GRANDINE e NEVE a bassa QUOTA, ma prima un CALDO WEEKEND

Weekend caldo e soleggiato, ma…

Siamo sotto una solida coperta anticiclonica che ci regalerà un fine settimana davvero splendido dal punto di vista meteo. Il Sabato e la Domenica infatti, non faranno registrare alcun tipo di problema ed il clima diverrà via via sempre più caldo. La prima parte del weekend, dunque la giornata di Sabato, farà registrare temperature massime vicine ai 20°C anche se farà ancora freddino nelle ore prossime all’alba. 

Domenica è atteso un ulteriore lieve incremento dei valori termici diurni su tutta l’Emilia Romagna con punte che potrebbero toccare anche i 21-22°C specie all’interno dei centri urbani dell’Emilia. Come sempre, avremo invece valori leggermente inferiori lungo i litorali. Un moderato aumento si registrerà anche nei valori minimi, i quali, si allontaneranno dagli zero gradi raggiunti in questi giorni specie nelle aree di periferia dell’Emilia.

Ma questa fase di caldo bel tempo pare abbia i giorni contati. La prossima settimana, questa calma atmosferica, potrebbe essere sostituita da uno scenario meteo decisamente diverso con il ritorno dei TEMPORALI, della GRANDINE  e della NEVE anche a quote relativamente basse. Vediamo meglio nel dettaglio cosa accadrà nei prossimi giorni.




Lunedì primi segnali di cambiamento

Nonostante il Lunedì sarà ancora una giornata dominata dall’alta pressione, quest’ultima comincerà lentamente a perdere di energia. Qualche nube in più in arrivo nel corso della giornata sull’Emilia, specie quella occidentale, ci farà capire che qualcosa va cambiando. Martedì le nubi si faranno più dense su tutta la regione ma sempre più presenti sull’area emiliana. La giornata trascorrerà comunque asciutta e solo verso sera si potranno affacciare alcuni rovesci limitati ai settori appenninici e occasionalmente alle zone più settentrionali della regione. 

Va segnalato che il peggioramento delle condizioni meteo è preceduto ed inizialmente accompagnato da correnti sud occidentali e come sempre avviene l’Appennino crea una sorta di riparo per le zone pianeggianti in particolare quelle della media pianura. I rovesci, i temporali e le eventuali grandinate infatti, tendono dunque a concentrarsi maggiormente sulle altre zone del Nord, come anche la neve, la quale, nei prossimi giorni potrà cadere anche copiosa sulle Alpi fino a quote molto basse

Mercoledì e Giovedì, vortice di bassa pressione

Arriviamo alla giornata di Mercoledì, quando, la formazione di un vortice di bassa pressione sull’Italia, apporterà un generale peggioramento del tempo su gran parte del Nord Italia. Stante la persistenza delle correnti sud occidentali, l’Emilia Romagna sarà ancora una volta parzialmente protetta dall’Appennino. Quest’ultimo invece, accuserà un più deciso peggioramento con rovesci e qualche temporale in arrivo fra il pomeriggio e la sera. Cadrà anche qualche nevicata seppur inizialmente a quote alte.  

Sul resto della regione, dunque sulle zone pianeggianti e lungo le coste, avremo una spiccata variabilità ma il rischio di pioggia si manterrà decisamente più basso. Consiglio? Tenete comunque un ombrello a portata di mano in quanto non possiamo essere totalmente sicuri che l’Appennino ripari tutto l’area pianeggiante. Un maggior rischio di qualche piovasco infatti, sarà sempre ad appannaggio dei settori nord. 

E arriviamo così a Giovedì, quando, nella prima parte della giornata, l’ingresso d’aria più fredda dai quadranti nord orientali, potrà favorire una maggior probabilità di qualche temporale localmente accompagnato dalla grandine sui settori nord e sulle aree della Romagna. Attenzione invece alla neve, la quale, a causa l’abbassamento delle temperature dovuto all’aria fredda, potrà cadere fino a quote relativamente basse per il periodo. 

Nel corso della giornata la situazione andrà rapidamente migliorando e fino alla prima parte di Venerdì il meteo resterà nel complesso tranquillo. Sarà però solo una pausa in quanto già nella seconda parte di Venerdì, un nuovo e più deciso peggioramento potrebbe colpire in modo più diretto anche l’Emilia Romagna. Su questo nuovo e più intenso peggioramento ce ne occuperemo più nel dettaglio nei prossimi giorni. 

Stefano Ghetti