Ultime News

Pubblicato il: 6 Giugno 2019 alle 1:43 pm

Meteo in ITALIA: la PROSSIMA SETTIMANA pagheremo il CALDO AFOSO. RISCHIO TEMPORALI E TROMBE D’ARIA. Ecco DOVE



Come in ogni estate che si rispetti, ecco che dopo una fase di caldo a tratti afoso, al primo refolo d’aria fresca si innescano fenomeni spesso violenti e pericolosi. Nel corso del prossimo weekend, per altro, il caldo si farà ulteriormente sentire su molte zone del Paese e questo non farà altro che determinare un deciso incremento delle temperature e dell’energia che potrebbe liberarsi durante un possibile guasto del tempo.



Ed è proprio in merito ad un possibile peggioramento delle condizioni meteorologiche che oggi vogliamo concentrare la nostra attenzione. Intorno alla metà della prossima settimana, per la precisione nel periodo compreso fra il 10-11 di Giugno, il bollente Anticiclone africano potrebbe subire una brusca virata verso le sue latitudini d’origine, sotto l’incalzare di venti più freschi in discesa dal nord Europa. In questo lasso di tempo, la situazione meteorologica, potrebbe subire un conseguente peggioramento.



Il forte contrasto fra le masse d’aria più fresca in arrivo e il caldo afoso preesistente, potrebbe scatenare episodi di intenso ma breve maltempo con forti temporali, nubifragi, grandinate ed occasionali trombe d’aria. Purtroppo, i fenomeni vorticosi, specialmente in questi ultimi anni, sono in forte aumento e questo ci costringe ad evidenziarne la possibilità che si verifichino. Insomma, sarà la classica situazione dove pagheremo il caldo afoso di questi giorni. Ma quali saranno allora le aree a maggior rischio? vediamo.



L’alta pressione perderà di energia soprattutto al Nord e su gran parte del Centro. Sulle regioni settentrionali a maggior rischio di intesi fenomeni saranno le aree del Nord Ovest e dunque Piemonte, Lombardia fino all’Emilia centro occidentale. Scarsi se non quasi nulli gli effetti al Centro e più protetto invece il Sud dove l’alta pressione riuscirà a garantire una maggior stabilità e caldo intenso.

Di Stefano Ghetti – Dir.Resp.EmiliaMeteo.tv