Ultime News

Pubblicato il: 29 Giugno 2019 alle 2:08 pm

Meteo: l’Italia è un serbatoio di Calore pronto ad esplodere. Temporali e grandine all’orizzonte. Vediamo


L’enorme quantità di calore che in questi giorni si sta accumulando su molte zone del nostro Paese, potrebbe diventare una vero e proprio serbatoio pronto ad esplodere. Gli occhi sono puntati ai prossimi giorni quando minacciosi temporali e pericolosa grandine, potrebbero colpire alcuni angoli d’Italia.


Fino a Martedì 2 Luglio, sole e caldo saranno ancora protagonisti sul Bel Paese a parte un modesto calo termico avvenuto al Nord e sui versanti adriatici del Centro nella giornata di Sabato 29 Giugno.

Da Domenica 30 e fino a Lunedì 1 Luglio, come detto, il bel tempo e le temperature sempre molto alte per la stagione, avvolgeranno un po’ tutto il Paese. Solo sui rilievi alpini e prealpini potranno scoppiare i primi minacciosi temporali.


Segnali di cambiamento sono attesi invece a partire da Martedì 2 Luglio quando una flessione del campo di alta pressione nord africana, potrà favorire l’afflusso di aria meno calda ed in parte instabile sulle regioni settentrionali dando vita ad una deciso aumento del rischio di temporali.


Il caldo preesistente potrebbe favorire lo sviluppo di una fase temporalesca piuttosto insidiosa accompagnata da forti nubifragi, intense grandinate e locali trombe d’aria. A maggior rischio di fenomeni saranno un po’ tutto il comparto alpino e prealpino ma con possibili sconfinamenti verso le aree di pianura adiacenti specie quelle piemontesi, lombarde, emiliane e venete.

Qualche improvviso temporale potrà altresì visitare le dorsali appenniniche settentrionali e centrali seppur con una probabilità inferiore. In questo contesto, che dovrebbe durare fino a Giovedì 4, le temperature faranno registrare un’ovvia seppur contenuta diminuzione al Nord ed in seguito su parte del Centro più avvertibile nelle zone raggiunte dai temporali.

Rimarrà ancora al caldo il Sud dove non ci sono al momento previsioni di temporali almeno fino a Venerdì 5 Luglio.

Metti mi piace alla nostra Pagina FaceBook

Di Stefano Ghetti