Ultime News

Pubblicato il: 20 Giugno 2019 alle 10:02 pm

Meteo: ZOOM EMILIA ROMAGNA. Si salvi chi puo’. Sarà CALDO RECORD. Ma QUANDO finirà? Vediamo


L’Emilia Romagna potrebbe toccare record di caldo per il mese di Giugno. Vediamo il dettaglio. 

Con una mappa come quella allegata Amici, c’è davvero da stare poco allegri. Anzi, in tutta onestà, verrebbe voglia di scappare. Si salvi chi può insomma. Adesso, a rincarare la dose di caldo, è il modello europeo, quello che fino a ieri era sempre stato il più ottimista in termini di intensità di caldo. Ma vediamo nel dettaglio quanto “brucerà” l’Emilia Romagna cercando di capire inoltre quando potrà esserci un’ipotetica fine.


Il grande caldo invaderà l’Emilia Romagna soprattutto fra Giovedì 27 e Venerdì 28. Ma la giornata più calda potrebbe essere quella di Sabato 29. Nella mappa notiamo come l’area più calda, come spesso avviene, sarà quella interna del ferrarese dove si potranno raggiungere picchi anche di 40-41 gradi. Un valore sicuramente eccezionale per il mese di Giugno. 

Farà caldissimo anche sul resto dell’Emilia con valori che oscilleranno tra i 37-38°C di quella occidentale e i 37-39 gradi di quella centrale. Farà meno caldo invece lungo la costa grazie all’azione mitigatrice di un mare ancora lievemente fresco per la stagione. 

Ovviamente, oltre alla forte calura, dovremo fare i conti con il fenomeno dell’afa che porterà il calore percepito ancora più in alto. 

Ma quando finirà questa ondata di caldo Record per il mese di Giugno? Vediamo. 


Domenica 30 sarà ancora una giornata bollente ed afosa per tutta la regione. La potenza di questa rovente bolla africana potrebbe cominciare a perdere lentamente di energia da Lunedì 1 Luglio anche se i valori termici caleranno davvero di poco. 

Un calo delle temperature più avvertibile dovrebbe attivarsi da Martedì 2 quando comincerà mesto mesto ad avvicinarsi nuovamente l’Anticiclone delle Azzorre. Seppur intimidito dal suo stretto partente africano, fra Mercoledì 3 e Giovedì 4, dovrebbe comunque tornare ad interessare la nostra regione riportando un tipo di clima decisamente più umano. Attendiamo ovviamente conferme

Di Stefano Ghetti