Ultime News

Pubblicato il: 5 Ottobre 2018 alle 4:45 pm

ALLUVIONI AL SUD: DANNI E VITTIME. Ma era tutto previsto

alluvioni

Piogge intense ed ALLUVIONI LAMPO. Cronaca di una tragedia annunciata.

Di Redazione




Mai sottovalutare le previsioni del tempo Amici e soprattutto gli avvisi dove si annuncia il rischio che si possano verificare fenomeni di una certa gravità. Si, è vero, il mondo dell’informazione ci sta abituando ad una sorta di enfatizzazione, ma è anche vero che alla base delle notizie c’è comunque un serio fondo di verità, specialmente quando le notizie sono pubblicate allo scopo di avvertire o addirittura di allertare la popolazione. Sottovalutare o addirittura  ignorare questo genere di informazioni può spesso risultare un serio rischio per la proprio incolumità. In un editoriale pubblicato ieri, avevamo paventato l’ipotesi che al sud si sarebbero potuti verificare fenomeni atmosferici di una certa gravità. Abbiamo usato il termine di alluvioni lampo non certo per enfatizzare la notizia ma perché c’erano realmente le condizioni che simili fenomeni potessero verificarsi. E così, purtroppo, è stato.

Purtroppo si contano danni, disagi ma soprattutto vittime. Era stata a prendere i bambini dai nonni, a Curinga, vicino a Lamezia Terme, e stava tornando in auto a casa, a Gizzeria, Stefania Signore, la trentenne morta insieme al figlio di 7 anni, travolti dalla piena nel Lametino, mentre è ancora disperso l’altro figlio di 2 anni. I corpi della mamma e del figlio maggiore sono stati ritrovati ad una cinquantina di metri l’uno dall’altro nel letto di un torrente.  Nella notte era stato il marito della donna ad avvertire i vigili del fuoco del suo mancato rientro a casa. La vettura sulla quale viaggiava la donna con i suoi bambini era stata trovata vuota con le quattro frecce accese a San Pietro Lametino.

Nella zona è anche crollato il ponte delle Grazie, sulla strada provinciale 19, e numerosi smottamenti hanno interessato altre strade. Alcune famiglie sono state evacuate a causa delle esondazioni e del rischio frane. In particolare il torrente Scorsone è straripato in più punti, travolgendo alberi, strade, muri e pali delle linee elettriche. L’acqua ha raggiunto il metro e mezzo di altezza.

ponte1

Nel Lametino è esondato il torrente Cantagalli. In alcuni quartieri gli abitanti hanno raggiunto i piani superiori degli stabili e perfino i tetti ed è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco con i gommoni. Chi non ha potuto raggiungere le proprie abitazioni è stato ospitato nel centro commerciale Due Mari. Sono stati soccorsi anche automobilisti bloccati: le vetture erano state invase di acqua e all’interno c’erano alcuni bambini ed una donna incinta.

Dal punto di vista delle previsioni ci sono comunque buone notizie in quanto il vortice di bassa pressione responsabile di questa forte ondata di maltempo si sta spostando verso nord e già dalla giornata di domani la situazione meteorologica dovrebbe far registrare un provvidenziale miglioramento

 


Notizie Correlate

ESTREMO SUD nell’occhio del CICLONE: c’è il RISCHIO di ALLUVIONI lampo

ACUTO DEL CALDO fra giovedì e venerdì. Brutte notizie per il weekend. Ecco cosa succederà.

MISTERIOSO EVENTO si delinea all’orizzonte. Ecco cosa SUCCEDERA’

2018: l’anno più CALDO dal 1800, ma…

 

Commenta per primo on "ALLUVIONI AL SUD: DANNI E VITTIME. Ma era tutto previsto"

Aggiungi un commento

Your email address will not be published.


*