Ultime News

Pubblicato il: 21 Settembre 2018 alle 10:57 am

UNA FREDDA carezza ARTICA spazzerà via il GRANDE CALDO. Ecco cosa accadrà

Domenica il primo indizio sull’imminente cambiamento. Da martedì BOTTA FREDDA. Crollo termico anche di 10-12 gradi.

Di Redazione

Forse ci siamo Amici. Con molta probabilità siamo all’epilogo di questa lunghissima fase di caldo anomalo che ha caratterizzato ormai quasi tutto il mese di Settembre. Tanto caldo e tanta umidità sono stati per lunghi giorni i protagonisti indiscussi dello scenario meteorologico lasciando dietro di loro una lunga scia di valori termici abbondantemente sopra la media stagionale. Una sorta di prolungamento forzato dell’estate che costretto l’Autunno a rimanere spettatore di questo periodo davvero anomalo.

Ora però, la situazione su scala generale, comincerà a cambiare ed i primi indizi del cambiamento li avvertiremo nel corso del pomeriggio e della serata di sabato ma anche nella giornata di Domenica. Ci sarà poi una piccola pausa su lunedì in attesa del vero e forte cambiamento atteso per martedì.

Ma andiamo con ordine e cerchiamo di capire bene cosa succederà e quali saranno i possibili effetti di questo nuovo scenario meteorologico che si prospetta all’orizzonte. Abbiamo detto che già da sabato avvertiremo i primi segnali in quanto un primo timido impulso d’aria fredda riuscirà a penetrare dalle zone del nord est per poi invadere parte delle zone della pianura padana scivolando anche verso le zone adriatiche. Assisteremo ad un rinforzo dei venti freschi più avvertibile sulla Romagna e fino ai settori centrali dell’Emilia. in questo frangente potrà transitare qualche banco di nubi ma che non dovrebbe creare particolari problemi. Verso sera accuseremo un pirmo calo delle temperature.

Domenica sarà caratterizzata da questo moderato afflusso d’aria fresca che non creerà particolari problemi dal punto di vista del tempo in generale ma che ci farà sentire già un tipo di aria un po’ diversa e con temperature sicuramente più basse rispetto a questi giorni.

Lunedì l’alta pressione, dopo aver leggermente perso di energia fra sabato e domenica, riuscirà per buona parte della giornata a ricucire il piccolo strappo ma sarà davvero una situazione di breve durata. Fra il tardo pomeriggio e la sera, ecco un secondo impulso d’aria fredda avvicinarsi al nord est. Sarà questo blocco d’aria molto fredda a decretare la fine di questa infinita ondata di caldo fuori stagione.

Già fra la sera di lunedì e la notte successiva, i venti rinforzeranno nuovamente dai quadranti orientali risultando decisamente più intensi ed impetuosi rispetto all’episodio precedente. Da martedì infatti, entreremo in un contesto climatico fortemente diverso. Vento e freddo saranno i protagonisti con le temperature che potrebbero davvero accusare un vero e proprio crollo. Secondo i centri di calcolo, si passerà da massime di 27-28 gradi attesi per lunedì a temperature che difficilmente potranno superare i 20 su martedì e addirittura anche inferiori fra mercoledì e giovedì quando resteremo ancora sotto l’afflusso freddo.

Per non parlare poi delle temperature minime che nel corso della settimana potranno addirittura scendere sotto i 10 gradi fino a raggiungere valori anche prossimi ai 7-8 gradi nelle aree di aperta campagna. Sono ovviamente stime che avranno bisogno di ulteriori conferme, sia ben chiaro. Tuttavia il freddo arriverà e cominceremo a vivere un periodo climatico sicuramente più normale per la stagione.

Per finire un ultimo aspetto di questo imminente cambiamento. Ma la pioggia? La neve ? Fino a qualche giorno fa il centro di calcolo europeo prevedeva la formazione di un vortice di bassa pressione sull’Italia con conseguente maltempo generalizzato. Ma questo non dovrebbe avvenire in quanto l’Italia accuserà solo un deciso afflusso delle correnti fredde che scorreranno attorno al bordo dell’alta pressione che, proprio spingendosi verso nord, non solo favorirà la discesa dell’aria fredda ma costringerà l’ipotetica area di bassa pressione a spostarsi verso i Balcani.

Insomma, avremo un netto cambio di circolazione ma senza precipitazioni. Va bene così amici, intanto cerchiamo di mettere ordine dal punto di vista delle temperature che perle piogge autunnali abbiamo ancora tempo-.


 Articoli correlati

MISTERIOSO EVENTO si delinea all’orizzonte. Ecco cosa SUCCEDERA’

2018: l’anno più CALDO dal 1800, ma…