Ultime News

Pubblicato il: 18 Settembre 2018 alle 10:59 am

IPOTESI DI UN CAMBIAMENTO sempre più vicino. TUTTI I DETTAGLI

IPOTESI

Ancora qualche giorno di SOFFERENZA in compagnia dei 30 gradi. Ma ecco la luce in fondo al tunnel?

Di Redazione

Terminata la fase di tempo instabile che ci interesserà ancora per la giornata odierna, l’alta pressione nord africana avrà un nuovo sussulto a partire dalla giornata di mercoledì quando il sole e la stabilità atmosferica si guadagneranno gradualmente il ruolo da protagonisti. Torneremo dunque a soffrire il caldo e l’afa per alcuni giorni in attesa di un’importante ipotesi di ricambio dell’aria.

Cerchiamo dunque di capire cosa potrà succedere dopo questa ennesima “fiammata” africana attesa da mercoledì. Questa nuova fase calda durerà probabilmente per tutto il resto della settimana. Da domenica un vortice di bassa pressione in discesa dal nord Europa comincerà a muoversi velocemente verso sud puntando dritto dritto verso l’Italia. Al contempo l’anticiclone si spingerà un po’ troppo verso nord favorendo la discesa di aria piuttosto fredda che scorrerà proprio sul bordo dell’alta pressione e diretta verso il nostro Paese soprattutto verso il nord est e le zone adriatiche.

La depressione prima menzionata, intanto, sarà costretta a muove poi il suo baricentro in direzione dei Balcani. Tutta questo meccanismo comporterà un afflusso d’aria nettamente più fredda sull’Italia con l’aggiunta di una fase di tempo molto instabile ai danni del nord est , delle regioni adriatiche del centro e a seguire del sud Italia.

E’ una situazione comunque ancora in fase di evoluzione ed al momento sembra molto difficile prevedere cosa potrà succedere dal punto di vista delle nubi e dei fenomeni. L’unica certezza, sempre se tale ipotesi verrà confermata, è che assisteremo finalmente ad un importante cambio della circolazione generale con un ritorno a condizioni climatiche nettamente diverse da questi giorni ma soprattutto più consone al periodo.

Stiamo vivendo infatti una fase climatica che fa spesso registrare valori di temperatura abbondantemente sopra la media stagionale, di conseguenza quello di cui il nostro clima necessita è di ritrovare valori di temperatura più normali al periodo. Mare e terra troppo caldi possono diventare un enorme contenitore di energia in grado di trasformare le prime vere perturbazioni atlantiche in minacciose fasi di maltempo e con tutti gli annessi e connessi. Per le vere piogge autunnali dunque possiamo aspettare ma per il clima dobbiamo assolutamente sperare che questa situazione si sblocchi quanto prima.


 Articoli correlati

MISTERIOSO EVENTO si delinea all’orizzonte. Ecco cosa SUCCEDERA’

2018: l’anno più CALDO dal 1800, ma…

 








Commenta per primo on "IPOTESI DI UN CAMBIAMENTO sempre più vicino. TUTTI I DETTAGLI"

Aggiungi un commento

Your email address will not be published.


*