Ultime News

Pubblicato il: 12 Settembre 2019 alle 7:50 am

Meteo nel Lungo Termine: Pessime prospettive per il prossimo INVERNO. Ecco Perché


Avatar

Stefano Ghetti


Anche se non ci sono sempre vere e proprie correlazioni fra l’andamento di una stagione e un’altra, viene tuttavia da domandarsi come si comporteranno i prossimi mesi dopo un’estate così lunga e calda. Per poter dare una risposta a simili quesiti, dobbiamo ovviamente avvalerci delle statistiche climatiche elaborate dai principali centri di calcolo mondiali. 

In questa sede abbiamo deciso di analizzare quanto ci viene proposto dal centro di calcolo europeo con sede a Reading meglio conosciuto dagli addetti ai lavori  come il modello ECMWF. 

Partiamo subito dicendo che siamo nel semplice ambito delle ipotesi, dunque non ci sono assolutamente certezze su quanto elaborato dal centro Europeo. 

Vediamo tuttavia cosa ci propone per i prossimi mesi e soprattutto per il periodo invernale. 


Analizziamo le proiezioni future in forma bimestrale, soprattutto per non tenervi troppo attaccati ai vostri schermi. 

In questa immagine è rappresentato il possibile andamento climatico del bimestre Novembre-Dicembre 2019. Notiamo subito che già nel mese di Novembre alcune zone del Nord Italia specialmente l’arco alpino, accuseranno un’anomalia termica di circa 1-1.5°C superiore alla media stagionale. Andranno invece meglio le cose sul resto del Paese dove le temperature dovrebbero rimanere abbastanza vicine alla media del periodo. 

Male invece il mese di Dicembre che potrebbe accusare un ulteriore anomalia positiva su tutto il Nord di circa 1.5°C e di circa 0.5°C su tutto il resto del Paese. Insomma sarebbe un Dicembre abbastanza mite rispetto alla media. 


Passiamo ore ad analizzare il bimestre Gennaio-Febbraio 2020.

Possiamo notare come le prospettive future per il prossimo inverno siano davvero pessime. Anche nel bimestre Gennaio-Febbraio, continueremo ad avere temperature sopra la media del periodo con anomalie di circa 1.5°C sempre ad appannaggio delle aree settentrionali ma anche dell’area adriatica. 

Sul resto del Paese l’anomalia positiva sarà inferiore e di circa 0.5°C. 

 

metti mi piace alla nostra Pagina FaceBook

Di Stefano Ghetti