Ultime News

Pubblicato il: 1 Ottobre 2018 alle 10:26 am

NEVE, PIOGGIA E TEMPORALI: il PEGGIO è atteso fra pomeriggio e sera

neve

Sarà un lunedì a tratti FREDDO E PERTURBATO per alcune zone del nord. Il PEGGIO arriverà nel pomeriggio/sera.

Di Redazione

Che la situazione stia cambiando Amici credo non ci siano più dubbi in quanto è sotto gli occhi di tutti. A parte le piogge che hanno interessato le nostra zone prima dell’alba e nelle primissime ore del mattino, si respira sicuramente un’aria diversa, più fredda e soprattutto più umida. Nelle prossime ore è prevista la formazione di un minimo di bassa pressione che richiamerà aria via via sempre più fredda e che darà luogo ad un netto peggioramento delle condizioni meteorologiche su tutto il nord Italia, dunque anche sulla nostra Regione.

Nel pomeriggio/sera sono infatti previste parecchie piogge su tutte le zone del nord con coinvolgimento dapprima dell’Emilia e a seguire anche della Romagna. La presenza dell’aria sempre più fredda darà luogo allo sviluppo di temperali sparsi ma anche alla comparsa della neve sulle Alpi che dalla serata potrebbero scendere fino a quote prossime ai 1300-1200 m. Insomma, ci sono tutti i presupposti per una giornata davvero all’insegna del maltempo. Da segnalare inoltre che gli eventuali temporali potrebbero essere accompagnati anche da qualche isolata grandinata vista la presenza di aria molto fredda in quota.

Vento in rinforzo sempre dal pomeriggio quando intense correnti di Bora contribuiranno a far calare ulteriormente i valori di temperatura. Si conferma invece un lento e graduale miglioramento nel corso della giornata di martedì ad iniziare dalle zone più settentrionali dunque dalle Alpi e prealpi in estensione nel pomeriggio e la sera a gran parte della pianura padano-veneto. Ma di questo ne riparleremo nei prossimi approfondimenti dedicati al tempo dei prossimi giorni.


 Articoli correlati

SI APRONO le porte alle GRANDI PIOGGE e alla NEVE. Vi sveliamo dove e quando.

MISTERIOSO EVENTO si delinea all’orizzonte. Ecco cosa SUCCEDERA’

2018: l’anno più CALDO dal 1800, ma…