Ultime News

Pubblicato il: 20 Settembre 2018 alle 6:53 am

PICCOLO URAGANO RIKI IN ITALIA: Cosa sta combinando?

Vediamo cosa sta combinando il nostro PICCOLO URAGANO RIKY. Sentiremo la sua influenza anche al nord?

Di Redazione

E’ un’Italia ancora spaccata in due quella che ci mostra questa mattina all’alba il prezioso occhio del satellite meteorologico. L’alta pressione nord africana mantiene condizioni di tempo abbastanza tranquillo al nord, su gran parte della Toscana e sul nord della Marche. Scendendo invece verso sud notiamo gli effetti del nostro piccolo uragano Riky che continua a mantenere condizioni di forte instabilità su molte zone del sud, su parte del centro, ma soprattutto sulle Isole maggiori.

Riky continuerà a muoversi molto lentamente con centro motore in mare aperto esattamente a metà fra la Sardegna e le coste tirreniche del centro. Nel corso della giornata muoverà il suo baricentro lentamente verso sud ovest, dunque verso le zone più meridionali della Sardegna, continuando così a rimanere determinante per le condizioni meteorologiche delle Isole Maggiori, la Campania, il nord della Puglia, il Molise, L’abruzzo e gran parte del Lazio fino al sud della Toscana. Questa saranno le zone dove continueremo ad avere un elevato rischio di piogge e temporali.

E il nord? Situazione ben diversa Amici. Proprio il movimento di Riky verso il sud della Sardegna farà si che tutto il nord resterà ancora protetto dall’alta pressione nord africana a garanzia di un tipo di tempo decisamente più stabile e soleggiato.

Sul fronte caldo: poche le novità. L’alta pressione nord africana non perderà di energia almeno fino a tutta la giornata di domenica. Attese anche fra oggi e domani, temperature prossime ai 30 gradi su gran parte della pianura padana-veneta.

Si conferma invece l’arrivo di un importante cambiamento della circolazione generale con l’inizio della prossima settimana. Ma di questo ne parleremo oggi in altri editoriali.


 Articoli correlati

MISTERIOSO EVENTO si delinea all’orizzonte. Ecco cosa SUCCEDERA’

2018: l’anno più CALDO dal 1800, ma…