Ultime News

Pubblicato il: 19 Settembre 2018 alle 9:28 pm

Lo diciamo SOTTOVOCE: ARRIVA L’AUTUNNO. Ma ci sarà ancora da soffrire

Centri di calcolo sulla stessa lunghezza d’onda. PRESTO ci sarà UN CAMBIAMENTO. Ma c’è un incognita.

Di Redazione

E anche oggi i termometri hanno suonato la carica dei 30 gradi sul molte zone della pianura padana. Inutile dire che Bologna è come sempre stata una delle città più calde del nord. L’alta pressione, seppur un po’ acciaccata, cerca tenacemente di mantenere saldo il suo baricentro sul Bel Paese ma la vecchiaia comincia a farsi sentire. Accusa colpi, prima da una parte poi dall’altra. Ma soprattutto sente la pressione di un Autunno sempre più vicino e sempre più minaccioso.

Oggi l’Italia ha cominciato a fare i conti persino con Riky, il nostro piccolo ma interessante uragano che anche in queste ore naviga attraverso i mari del medio e basso Tirreno pronto a dispensare piogge anche di una certa importanza. Insomma, non ci facciamo proprio mancare nulla dal punto di vista meteorologico.

Ma cosa succederà nei prossimi giorni? Cerchiamo di tracciare una possibile linea di tendenza sul tempo che ci attende da giovedì e per il prossimo fine settimana, dando comunque un cenno anche all’inizio della prossima settimana.

Fra giovedì e sabato non ci saranno particolari cambiamenti con una situazione improntata alla stabilità atmosferica. Avremo dunque parecchio sole e ancora caldo con valori termici sempre prossimi ai 30 gradi. Qualche nuvoletta di passaggio soprattutto sui monti ma con effetti davvero effimeri. Si soffrirà ancora un po’ il caldo Amici in quanto saremo sempre in presenza di un elevato tasso di umidità.

Domenica inizia un vero e proprio braccio di ferro fra l’alta pressione ed una profonda depressione in discesa dal nord Europa. Le cose si complicheranno non poco dal punto di vista previsionale. Da lunedì infatti si aprono alcuni scenari che hanno comunque un importante aspetto in comune. Quale? Un vero cambiamento della circolazione generale. Se ne andrebbe dunque il grande caldo per lasciare spazio ad un clima nettamente più fresco o addittura freddino di notte.

L’incognita riguarda invece l’eventuale peggioramento. I centri di calcolo disegnano due tipi di scenari possibili. il primo vedrebbe un vortice di bassa pressione in formazione fra lunedì e martedì sempre alimentato da aria fredda. Con questo scenario si avrebbero piogge, temporali, vento , fresco e addirittura la neve in alta montagna.

Nel secondo caso invece, l’alta pressione sbilanciata verso nord continuerebbe a condurre verso l’Italia aria piuttosto freddina ma al tempo stesso, l’alta pressione stessa, muoverebbe il suo baricentro verso est venendo ad interessare l’Italia e costringendo il prima citato vertice di bassa pressione a muovere il suo centro motore verso i Balcani.

Questa incognita la risolveremo ne prossimi giorni quando il quadro generale sarà ben inquadrato dai centri di calcolo. Intanto teniamoci stretti questa alta probabilità che finisca questa interminabile ondata di caldo fuori stagione.


 Articoli correlati

MISTERIOSO EVENTO si delinea all’orizzonte. Ecco cosa SUCCEDERA’

2018: l’anno più CALDO dal 1800, ma…

 








Commenta per primo on "Lo diciamo SOTTOVOCE: ARRIVA L’AUTUNNO. Ma ci sarà ancora da soffrire"

Aggiungi un commento

Your email address will not be published.


*